SOCIAL COWO
 
tool-gestione-tempo

07 Mag 3 strumenti per gestire il tempo e produrre di più

Saper gestire bene il tempo quando si lavora è importantissimo sopratutto quando lo si fa in smart working, dove le distrazioni sono infinite. Ecco 3 tool perfetti per l’occasione.

Quanto è difficile riuscire a gestire bene il tempo quando si lavora da casa? Tra mille distrazioni riuscire a mantenere una buona concentrazione è quasi impossibile.  Questo problema però può riscontrarsi anche in altre situazioni, ad esempio se si lavora in un ufficio o se si hanno troppe scadenze da gestire. Ecco perché un’attività di time management fatta con le giuste tecniche e strumentazioni può aiutare ad aumentare la produttività ed efficienza.

Sui nostri canali social avevamo già parlato della tecnica del pomodoro, un metodo italiano ideato negli anni 80 che prende il nome da un timer da cucina a forma di pomodoro. Questa tecnica consiste semplicemente nello svolgere delle sessioni di lavoro intenso e concentrato da 25 minuti intervallate da una breve pausa di 5 minuti. Ogni volta che completi un ciclo di 4 sessioni ci si può concedere una pausa più lunga di 20-30 minuti. Se applicata bene questa tecnica può essere molto utile, sopratutto per chi cerca una soluzione semplice e veloce. Per metterla in pratica ci si può affidare all’apposito sito tomato timer.

Mentre se si è alla ricerca di qualcosa di un po più evoluto e sofisticato ecco tre tool per la gestione del tempo.

1. Forest

Il primo tool di cui vogliamo parlare è Forest, che esiste sia in versione di applicazione scaricabile sul telefono che come estensione di Chrome. Questa app semplice e intuitiva è indicata per svolgere qualsiasi tipo di attività in cui si ha la necessità di rimanere focalizzati per più tempo senza continuare a guardare il telefono, quindi ottima sia per il lavoro che per lo studio.

Anche in questo caso le sessioni di lavoro sono concentrate in 25 minuti, ma ad ogni sessione completata viene piantato un alberello virtuale e se la sessione si interrompe questo “muore”. Inoltre questo tool permette di inserire in blacklist alcuni siti, ad esempio Facebook o YouTube, la cui visualizzazione sarà inibita finche non si completa il lavoro.  Più sessioni di lavoro si fanno più saranno i crediti guadagnati che Forest impiegherà per piantare dei veri alberi in tutto il mondo grazie alla partnership con l’organizzazione Trees for the Future.

2. Toggl

Un sistema po’ più completo invece è Toggl, il tracciatore del tempo. Questo tool tiene conto di quanto tempo si spende per un progetto, perché permette di essere attivato e disattivato in base a quando si lavora o no. Grazie anche alla funzione di report è perfetto per capire se un lavoro è sottopagato o meno in base alla quantità effettiva di tempo che gli si dedica. Inoltre se un progetto è più complesso o articolato lo si può etichettare inserendo tutte le attività che lo compongono e quanto tempo viene dedicato ad ognuna di esse.

È perfetto anche per il lavoro in team, perché permette di essere condiviso con altre persone e collegato a diverse estensioni, come Google Drive o Asana, di cui avevamo già parlato in un articolo sul blog.. La versione base di questo tool è sempre gratuita, mentre le tre versioni premium sono perfette per ogni esigenza e permettono una prova gratuita di 30 giorni.

3. TopTracker 

L’ultimo tool è TopTracker  disponibile come app desktop per tutti i principali sistemi operativi. Perfetto sia per il lavoro in team o da freelance, permette di gestire tutti i progetti in un unico post tenendo sotto controllo il tempo speso per ogni attività. Grazie ai suoi report permette di identificare facilmente le aree da migliorare e decidere quali attività sarebbe meglio dividere tra più persone.

Inoltre per chi fattura su base temporale, e non a contratto o progetto, è perfetto per tenere conto del tempo realmente impiegato e inviare ai clienti un saldo effettivo. Uno dei suoi punti di forza sta nel fatto che è anche totalmente gratuito!

Ti sono stati utili questi consigli?
Se hai già provato alcuni di questi software o ne conosci altri condividili con noi!

Altri articoli che potrebbero interessarti se lavori da casa sono 5 tool per riunioni e conferenze online  e  3 software per organizzare il lavoro al meglio

Ti è piaciuto questo articolo? Per rimanere sempre aggiornato visita il nostro blog

Commenta con Facebook

commenti

Coworking Varese
coworkingvarese@gmail.com